❤"3Kg nella pancia per 9 mesi e sopravvivere ad ore di travaglio... può cucinare, pulire e parlare al telefono nello stesso momento..può sanguinare per una settimana è non morire..può camminare con tacchi di 10 cm.. riesce a piangere tutta la notte e svegliarsi il giorno dopo come se fosse tutto ok... ricordate uomini, le donne sono impotenti solo finchè lo smalto sulle unghie non si è asciugato!"=) questo blog è per noi tutte, x le nostre frivolezze, per noi..che siamo tanto speciali ❤

lunedì 20 agosto 2012

Mascara VS Mascara

Il mascara è la ciliegina all'apice della torta.
E' la parte del make up non sostituibile o rinunciabile.

In questo post: KIKO VS DEBORAH
Tema: mascara colorato viola

Esemplare n°1

KIKO
SUPER colour
waterproof
viola 01

10 ml per 6 mesi di durata

Direttamente da kikocosmetics.com :

"Mascara colorato effetto volume modulabile.
Una formula unica per donare ciglia volumizzate, ben definite, impreziosite da effetti cromatici d'impatto.
Le cere plastiche ed automodellanti creano una guaina di immediato spessore: le ciglia sono avvolte dalla radice alla punta fin dalla prima applicazione.
La texture intensamente pigmentata regala un colore visibile dal primo passaggio ed estremamente brillante anche dopo ore.
Grazie allo speciale scovolo con setole a distanza calibrata, le ciglia aumentano di volume ad ogni passata, pur rimanendo perfettamente separate tra loro.
Resistente, ma facile da rimuovere, la formula di questo mascara rimane intatta a lungo, senza sbavare e senza creare grumi.
Disponibile in 10 tonalità intense.
Oftalmologicamente testato."

Price: 5,90 euro
Personally view:
  • 9/10
  • waterproof, molto resistente, necessita struccante altrimenti i risultati saranno grumi e macchie in tutta l'area oculare
  • volume realmente modulabile, io ho le ciglia molto corte e ne sono rimasta soddisfatta
  • colore intenso e visibile

Esemplare n°2


DEBORAH
My Mascara Volume
FULL COLOR
miami violet 05

11 ml per 6 mesi di durata

Direttamente da deborahmilano.com :

"Dalla texture ricca e ultra coprente My Mascara Volume Full Color di Deborah Milano regala un look super colorato ed un effetto volume.

Grazie alla sua formula a base di polimeri brillantanti e di gomma naturale d’Acacia, avvolge ogni singola ciglia con un film forming omogeneo e altamente flessibile che consente di riapplicare il prodotto più volte, senza impacchettare le ciglia o creare antiestetici grumi.

My Mascara Volume Full Color è dermatologicamente testato e fragrance free*.

*Limita la possibilità di eventuali irritazioni."

Price: 5,90 euro
Personally view:
  • 6,5/10
  • maggiore difficoltà nel raggiungere il volume desiderato
  • colore meno intenso e meno visibile
  • leggero sulle ciglia, il mascara KIKO è più pesante (come sensazione)
  • non è waterproof ma non sbava facilmente (quando si ride o si sbadiglia)

Seguono le mie fotine :)




Lo scovolino è classico in ambedue i prodotti.
Eccovi ulteriori foto tratte dal web:



ESSENCE eau de toilette

Nonostante io sia una fedelissima di Poison di Dior
ho deciso di provare il profumo della essence come economica alternativa:

La mia scelta si è posata su "candy shop"



Soggettivamente non credo sia il più dolce tra le opzioni o il più fresco (fruttato)...
ma dato che i gusti non sono opinabili, passiamo alle concrete caratteristiche:
 50 ml
eau de toilette
price 7,99 euro

disponibile anche in 10 ml
price 3,49 euro
da borsetta!
Ingredienti: alcohol denat., acqua, parfum, ethylhexyl methoxycinnamate, butyl methoxydibenzoylmethane, ethylhexyl salicylate, butylphenyl methylpropional, CI 16035, CI 19140.

My personally view :)
fresco e leggero, la profumazione rimane leggera sugli abiti, sulla cute non è molto duraturo; sicuramente un profumo easy da beauty; voto 7/10.

Maggiori informazioni e curiosità su essence-fragrances .
Vi consiglio anche questo post di shoppills .


OPS! Love Il bracciale

Ciao! bhe, qui non c'è molto da recensire ^_^
Bracciale Ops!Love a 36 euro
o ti piace... o lo adori!! :)


Per qualsiasi curiosità lasciate la vostra domanda!
Per ora vi lascio le mie fotine ^_^
Ciaoooo.




giovedì 12 aprile 2012

Ingredienti crema-gel idratante viso "My skin" essence

Nel precedente post dedicato a 2 prodotti di questa linea, vi ho detto di non aver trovato sulla jar gli ingredienti...infatti non ci sono :P, ma avevo dimenticato che la crema era l'unico dei prodotti che ho acquistato ad essere contenuto in una scatoletta:

e sulla scatola gli ingredienti ci sono!

Ingredienti:
acqua, isononyl isononanoate, sorbitol, octyldodecyl pca, cucumis sativus juice, lemon peel oil, helianthus annuus seed oil, tocopherol, octocrylene, mica, glyceryl stereate citrate, butyl methoxydibenzoylmethane, carbomer, hexylene glycol, propylene glycol, sodium hydroxide, fructose, glucose, mannitol, bht, lecithin, pentylene glycol, dextrin, sucrose, urea, alcohol, ascorbyl palmitate, sodium benzoate, potassium sorbate, polysorbate 20, potassium phosphate, retinol, alanine, aspartic acid, glutamic acid, sodium sulfite, phenoxyethanol, ethylparaben, methylparaben, propylparaben, parfum, limonene, butylphenyl methylpropional, citronellol, linalool, citral, amyl cinnamal, hexyl cinnamal, geraniol, benzyl alcohol, CI 19140, CI 42090, CI 77891.

Enjoy!

Acquistini del giovedì ^_^

Ciao!
oggi ero all'esselunga..quando sono stata attirata x l'ennesima volta dalla sua linea per la detersione e cura del viso.
La linea è femminilmente accattivante in quanto composta da un packaging totalmente fucsia (non del tutto coprente, caratteristica che dona luminosità ai prodotti) con inscrizioni bianche.

Avrei voluto acquistare tutto (istinto donna) ma un po' per la disponibilità economica, un po' per l'autocontrollo ancora semifunzionante.. ho acquistato un solo prodotto:

GEL DETERGENTE VISO
tutti i tipi di pelle
estratto di fiori di ciliegio giapponese
dermatologicamente testato

"Il gel detergente esselunga deterge la pelle del viso in tutta delicatezza e rimuove le tracce di trucco, le particelle di sporco ed il sebo in eccesso. La sua azione dolce con estratto di fiori di ciliegio giapponese è particolarmente indicata per la cura quotidiana della cute. La provitamina B5 protegge l'epidermide dall'inaridimento."

Impiego: al mattino e alla sera, applicare con poca acqua e massaggiare delicatamente su viso, collo e decolletè. Risciacquare con acqua tiepida e ravvivare con il tonico per il viso.

Ingredienti: acqua, glycerin, decyl glucoside, sodium coco-sulfate, cocamidopropyl betaine, prunus serrulata flower extract, panthenol, coco-glucoside, glyceryl oleate, acrylates/C10-30 alkyl acrylate crosspolymer, parfum, citric acid, xanthan gum, sodium benzoate, phenoxyethanol.

150 ml - 12 M dall'apertura

My point of view:
adoro il suo profumo, è forte, ricorda quello di un bagnoschiuma ai frutti di bosco, profumazione che non rimane sulla pelle con la stessa intensità.. lasciando quindi solo una fragranza delicata.
Piccolo appunto è quello di non essermi resa conto subito del tipo di utilizzo (necessita di acqua e risciacquo) che a me scoccia perchè sono una pigrona, ma devo dire che la sensazione che lascia è ancora meglio dello struccante in quanto veramente l'impressione è di pulizia e cute leggera...tenendo conto che io dopo lo struccante preferisco sempre lavarmi il viso, questo prodotto mi farebbe risparmiare un passaggio. Quindi io direi: dipende da cosa ho voglia di fare in quel momento :P
Cmq buono, mi piace molto... e questo mi fa venir ulteriore voglia di provare tonico, latte detergente e crema viso di questa linea. Non ho visto lo struccante.
Per quanto riguarda il prezzo credo si aggirasse sulle 3 euro (arrotondato x eccesso), invece x l'efficacia io direi 100%, per farvi capire: se vi lavaste il viso con acqua e sapone vi ritrovereste con l'alone nero sotto gli occhi.. con questo gel non si verifica l'inconveniente appena citato.
Tenendo conto che io ho la pelle mista...dopo il mio primo utilizzo (no bruciore, no rossore, no prurito) la cute di viso e collo risultavano liscie e morbide...
forse l'idratazione non è al 100%...credo dovuto al fatto che sia appunto un detergente.
Eventuali effetti dovuti al lungo utilizzo ve li segnalerò qualora si verificassero.

Il secondo ed ultimo prodotto di oggi....poteva non essere essence?? :)
Bhe, finalmente ho trovato la base occhi EVVIVAAAAAAAAAAAAAA

"I LOVE STAGE" EYESHADOW BASE
Base per ombretto, per un make up duraturo.

4 ml - 6 M dall'apertura

Per un costo di 3 euro c.ca, ho acquistato l'ultima base x occhi dello stand essence, dei quali non è mai possibile capirne l'integrità o meno..in quanto il packaging non comprende una pellicola di copertura "monoapertura".
Detto questo, la prima cosa che ho appurato è la differenza di questo composto confrontandolo con il composto del correttore 16 h (long-lasting concelaer):
  • il colore è ovviamente diverso in quanto la base è disponibile in un solo colore ed in quanto il mio correttore è nella versione + chiara
  • la densità dei prodotti mi sembra molto simile se non uguale
  • alla stesura l'effetto è totalmente differente per copertura, per superficie e per assorbimento
  • stessa scadenza
  • ingredienti non indicati sulla confezione, per entrambe i prodotti
  • odore/profumazione molto simile ma non uguale



Per quanto riguarda invece l'efficacia della base occhi, potrò farvi sapere come mi sono trovata solo dopo il suo utilizzo, specie per le controverse righine da accumulo di prodotto nelle pieghe naturali della palpebra.

Spero di essere stata d'aiuto,
hope you enjoy :)





mercoledì 11 aprile 2012

My skin (essence)

Ciao a tuttiiiii!!! ^_^
Ritorno con una bella review su alcuni prodotti della linea "My skin" di essence:

Li sto utilizzando da circa un mesetto..ma vediamoli nello specifico.

1# LOZIONE TONICA

"Tutti i tipi di pelle delicata lozione viso rinfrescante, grazie alla presenza di lychee ed uva nera riequilibra il film idrolipidico, ribilanciando il pH cutaneo. Uso: dopo accurata detersione con il latte detergente, con dei dischetti di cotone applicare su tutto il viso, collo e decolletè, di seguito applicare la crema abituale mattina e/o sera, evitare contatto con il contorno occhi e labbra".

My point of view: sensazione rinfrescante dal momento dell'applicazione sino a qualche minuto dopo, lascia sulla cute un'impressione di pulizia e di elasticità, gradevole e delicato profumo, il flacone da 200ml è più che sufficiente per un'uso quotitiano di un mese (credo anche di + se non si eccede nell'applicazione). Mi è capitato di utilizzarlo erroneamente su contorno occhi e labbra ma non ho avuto reazioni avverse.

Ingredienti:
acqua, estratto di litchi, olio di semi d'uva, polysorbate 20, propylene glycol, tris citrate, polyquaternium-7, peg-10 olive glycerides, ethilhexylglycerin, alcohol, sodium hydroxide, polyaminopropyl biguanide, phenoxyethanol, profumo, CI 14700, CI 17200, CI19140, CI42090.

12 M dall'apertura

2# CREMA-GEL IDRATANTE VISO

"Tutti i tipi di pelle ad azione intensamente idratante contiene pigmenti riflettenti che rendono la pelle più uniforme e luminosa. Lime e cetriolo donano freschezza, lasciando la pelle morbida e vellutata, prodotto dalla texture piacevolmente leggera e di rapido assorbimento. Uso: dopo accurata detersione, applicare su viso, collo e decolletè, mattina e/o sera".

My point of view: è possibile ritrovare ogni aspetto descritto dalle indicazioni sul prodotto (quelle soprariportate), la trovo ottima se si vuole una forte idratazione con praticamente immediato assorbimento possibile per la forte componente acquosa come in qualsiasi gel, la profumazione è delicata e fresca x via del tipo di ingredienti. Jar di 50 ml anch'essa sufficiente in quanto basta davvero pochissimo prodotto per l'idratazione di viso e collo.
Potrebbero infastidire i pigmenti riflettenti in quanto visibili sulle mani dopo la stesura, ma sul viso non ho notato particolari effetti antiestetici, anzi solo luminosità.

Ingredienti:
non disponibili sul prodotto

6 M dall'apertura

3# STRUCCANTE OCCHI DELICATO

"Delicata lozione a base di camomilla per rimuovere delicatamente il make up dagli occhi, non lascia residui oleosi su palpebre e contorno occhi, l'applicazione di nuovo make up sarà impeccabile. Uso: imbibire un batuffolo di cotone, chiudere l'occhio e detergere bene palpebra e ciglia. Prodotto oftalmologicamente testato".

My poit of view: questo prodotto non è della linea "My skin" ma semplicemente facente parte degli struccanti, nello specifico è indicato come "softer formula". L'efficacia è del 100%, strucca benissimo tutto il viso, non infastidisce nenache se lo si utilizza con la presenza di lenti a contatto, non unge (anche se io preferisco lavarmi il viso con un sapone delicato dopo). Unica segnalazione è un lieve bruciore rilevato durante ed esclusivamente la prima applicazione. No rossori, no irritazioni. Flacone da 125 ml appena sufficiente per un mese.

Ingredienti:
acqua, glycerin, PEG-40 hydrogenated castor oil, propylene glycol, estratto di fiore di camomilla, bisabolol, poloxamer 184, acido lattico, butylene glycol, glucosio, bht, sodium benzoate, potassium sorbate, phenoxyethanol, profumo, CI 16035.

6 M dall'apertura

Devo necessariamente fare un'appunto:
io ho utilizzato questi prodotti nel periodo della laurea, è stato un buon trattamento in un periodo che invece risultava essere stressante con il rischio di sviluppare imperfezioni come occhiaie, gonfiori e "brufoletti" che invece non ho avuto.

Altro appunto: la difficoltà nel reperire i prodotti.

Un bacione,
a presto :)


sabato 31 marzo 2012

Laurea

Ciao ragazze!!!
Ieri mi sono laureata...
il mio lungo e difficile percorso è terminato

Guardate un po' chi c'era tra i regali di laurea!?!! :)))) vi farò una bella review!! si, ma fra una settimanina, xchè ora mi godo il mio status di dottoressa in infermieristica neolaureata!!! ^_^ 


A presto ragazze, un baciooooone ;)

giovedì 8 marzo 2012

Zoeva 88 eyeshadows in video!

Yesss! eccola qui :)


Eccovi le fotine ^_^









Io adoro Zoeva, sia per i set di pennelli che sono di ottima qualità che per gli ombretti..che hanno un buon inci ed ottime caratteristiche dell'ombretto stesso.

Buona giornata a tutte ^_^
Ciaoooo

mercoledì 7 marzo 2012

NOTIZIA SHOCK: NO AI GIVEAWAY

Ragazze non i credo!
Mi sveglio stamattina e mentre controllo yt e fb scopro che è uscita una legge che vieta la possibilità di fare giveaway!!!


Eccovi la mia faccia! Ma che diavolo $$%&£=/((&!1££$!!!!!
Vi rimando ad un altro blog dove è spiegato tutto un po' + chiaramente e dalla quale io ho appreso la notizia:
giveaway-e-normativa-ministero-sviluppo-economico

Ovviamente io non sono d'accordo! E va bene che c'è chi utilizza il giveaway per scopi non molto morali, ma x chi come noi tratta temi di make up e nail art è fondamentale poter dare la possibilità di premiare le lettrici/iscritte, i fan, o semplicemente condividere prodotti non facilmente reperibili in questo paese che come possiamo notare ultimamente, non funziona proprio bene T.T

Scusatemi, ma così a caldo sono shoccata e arrabbiata!
Ma voi che ne pensate???????


Vi lascio la citazione della Normativa che gestisce la legge in questione: (sotto di essa altre indicazioni)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 ottobre 2001, n. 430
(in Gazzetta Ufficiale 13 dicembre n. 289). - Regolamento concernente la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio
, nonché delle manifestazioni di sorte locali, ai sensi dell'articolo 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visto l'articolo 87, quinto comma, della Costituzione;
Visti gli articoli da 39 a 62 del regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 giugno 1939, n. 973, concernenti la disciplina delle lotterie, tombole e pesche o banchi di beneficenza, nonché dei concorsi e delle operazioni a premio;
Visti gli articoli da 78 a 145 del regio decreto 25 luglio 1940, n. 1077, concernenti il regolamento in materia di lotterie, tombole, concorsi ed operazioni a premio;
Visto l'articolo 15, secondo comma, della legge 2 agosto 1982, n. 528, il quale prevede che l'autorizzazione a svolgere lotterie, tombole, e pesche o banchi di beneficenza possa essere rilasciata anche ai partiti politici rappresentati nelle assemblee nazionali e regionali;
Visto l'articolo 7, comma 4, terzo periodo, del decreto-legge 30 settembre 1989, n. 332, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 novembre 1989, n. 384, il quale stabilisce che non sono soggette alle disposizioni sulle operazioni a premio le manifestazioni i cui premi sono costituiti da sconti di prezzo o da quantità aggiuntive del prodotto propagandato;
Visto l'articolo 8 della legge 26 marzo 1990, n. 62, recante la disciplina delle tombole e pesche o banchi di beneficenza promosse in occasione di feste o sagre a carattere locale, nonché delle sottoscrizioni o offerte di denaro con estrazione di premi promosse dai partiti politici rappresentati nelle assemblee nazionali e regionali;
Visto l'articolo 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, il quale stabilisce che con regolamento, da emanare ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro delle attività produttive e con il Ministro dell'interno, si procede alla revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonché delle manifestazioni di sorte locali;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di riforma dell'organizzazione di Governo a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59;
Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Uditi i pareri del Consiglio di Stato, resi dalla sezione consultiva per gli atti normativi nelle adunanze del 12 aprile 1999 e del 15 gennaio 2001;
Visto il parere espresso dalla Conferenza unificata in data 27 settembre 2001;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 12 ottobre 2001;
Sulla proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con i Ministri delle attività produttive, dell'interno e per la funzione pubblica;

Emana il seguente regolamento:
TITOLO I MANIFESTAZIONI A PREMIO
Art.1 Ambito applicativo
1. I concorsi e le operazioni a premio di ogni specie, consistenti in promesse di premi al pubblico dirette a favorire, nel territorio dello Stato, la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne o marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi, aventi, comunque, fini anche in parte commerciali, si effettuano alle condizioni e con le modalità di cui al presente titolo.
2. Per le obbligazioni assunte nei confronti dei promissari si applicano le disposizioni degli articoli 1989, 1990 e 1991 del codice civile.
3. I concorsi e le operazioni a premio hanno durata non superiore, rispettivamente, a uno e a cinque anni dalla data di inizio degli stessi. Nel periodo di durata dei concorsi e delle operazioni a premio sono compresi, rispettivamente, le fasi relative all'individuazione dei vincitori e il termine ultimo per richiedere il premio. I premi messi in palio sono consegnati agli aventi diritto entro il termine di sei mesi dalla conclusione della manifestazione o dalla data di richiesta dei premi stessi. Se il regolamento della manifestazione prevede termini di consegna inferiori a sei mesi, in caso di ritardo è data comunicazione agli interessati, mediante lettera raccomandata, dei motivi ostativi al sollecito adempimento dell'obbligazione.
4. I concorsi e le operazioni a premio possono essere svolti a favore dei consumatori finali o di altri soggetti quali i rivenditori, gli intermediari, i concessionari, i collaboratori e i lavoratori dipendenti.
5. La partecipazione ai concorsi e alle operazioni a premio è gratuita, salvo le ordinarie spese di spedizione o telefoniche necessarie ai fini della partecipazione stessa. È vietata la diretta maggiorazione del prezzo del prodotto o servizio promozionato.
6. Le attività relative allo svolgimento delle manifestazioni a premio sono effettuate nel territorio dello Stato ad eccezione delle attività connesse al confezionamento dei prodotti realizzate al di fuori del detto territorio.

Art.2 Concorsi a premio 1. Sono considerati concorsi a premio le manifestazioni pubblicitarie in cui l'attribuzione dei premi offerti, ad uno o più partecipanti ovvero a terzi, anche senza alcuna condizione di acquisto o vendita di prodotti o servizi, dipende:
a) dalla sorte, sia che l'estrazione dei vincitori sia organizzata appositamente, sia che si faccia riferimento ad altra estrazione o ad altra designazione che dipende comunque dalla sorte;
b) da qualsiasi congegno, macchina od altro, le cui caratteristiche consentano di affidare unicamente all'alea la designazione del vincitore o dei vincitori dei premi promessi;
c) dall'abilità o dalla capacità dei concorrenti chiamati ad esprimere giudizi o pronostici relativi a determinate manifestazioni sportive, letterarie, culturali in genere o a rispondere a quesiti o ad eseguire lavori la cui valutazione è riservata a terze persone o a speciali commissioni;
d) dall'abilità o dalla capacità dei concorrenti di adempiere per primi alle condizioni stabilite dal regolamento, purché le modalità dell'assegnazione dei premi siano oggettivamente riscontrabili e i concorrenti che non risultino vincitori possano partecipare all'assegnazione di ulteriori premi.
Art.3 Operazioni a premio
1. Sono considerate operazioni a premio, anche se il destinatario del premio è un soggetto diverso dall'acquirente il prodotto o servizio promozionato, le manifestazioni pubblicitarie che prevedono:
a) le offerte di premi a tutti coloro che acquistano o vendono un determinato quantitativo di prodotti o di servizi e ne offrono la documentazione raccogliendo e consegnando un certo numero di prove documentali di acquisto, anche su supporto magnetico;
b) le offerte di un regalo a tutti coloro che acquistano o vendono un determinato prodotto o servizio.
2. Sono considerate operazioni a premio anche quelle nelle quali, all'acquirente di uno o più prodotti o servizi promozionati, viene offerta in premio la possibilità di ottenere, dietro presentazione di un numero predeterminato di prove di acquisto e mediante un contributo di spesa, un diverso prodotto o servizio a prezzo scontato. Il contributo richiesto non deve essere superiore al 75 per cento del costo del prodotto o servizio, sostenuto dalla ditta promotrice, al netto dell'imposta sul valore aggiunto. Il premio consiste nello sconto di prezzo rappresentato dalla differenza tra il valore normale del bene offerto e il contributo richiesto.

Art.4 Premi 1. I premi messi in palio consistono in beni, servizi, sconti di prezzo e documenti di legittimazione di cui all'articolo 2002 del codice civile, suscettibili di valutazione economica, assoggettati all'imposta sul valore aggiunto o alla relativa imposta sostitutiva, escluso il denaro, i titoli dei prestiti pubblici e privati, i titoli azionari, le quote di capitale societario e dei fondi comuni di investimento e le polizze di assicurazione sulla vita. I premi, inoltre, sono costituiti anche da giocate del lotto o da biglietti delle lotterie nazionali.
2. I soggetti promotori di manifestazioni i cui premi sono costituiti da giocate del lotto effettuano le giocate stesse presso le ricevitorie del lotto e consegnano direttamente le bollette ai promissari. I soggetti stessi possono, altresì, offrire in premio il rimborso, totale o parziale, delle giocate del lotto già effettuate e non risultate vincenti.
3. Se i premi sono costituiti da biglietti delle lotterie nazionali gestite dallo Stato, i soggetti promotori offrono i biglietti interi ai promissari, non essendo consentito di frazionare il prezzo dei biglietti stessi. L'assegnazione dei biglietti interi può essere effettuata anche mediante estrazione a sorte o con altri sistemi analoghi.

Art.5 Soggetti promotori delle manifestazioni a premio

1. I concorsi e le operazioni a premio sono effettuati soltanto da imprese produttrici o commerciali fornitrici o distributrici dei beni o dei servizi promozionati e dalle organizzazioni rappresentative dell'associazionismo economico tra imprese costituite sotto forma di consorzi e di società anche cooperative.
2. I concorsi e le operazioni a premio sono effettuati anche da imprese non residenti nel territorio nazionale, per il tramite di un rappresentante residente nel territorio dello Stato, nominato con le modalità e gli effetti di cui all'articolo 17 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.
3. I soggetti promotori possono delegare agenzie di promozione od operatori professionali a rappresentarli in tutti gli adempimenti relativi alle manifestazioni, compresa la domiciliazione e la conservazione di tutta la documentazione nel territorio dello Stato, nonché a prestare la cauzione di cui all'articolo 7.
4. In caso di manifestazione effettuata da due o più soggetti, gli stessi sono responsabili in solido per le obbligazioni assunte nei confronti dei promissari e per il pagamento delle sanzioni dovute. La responsabilità solidale non si estende ai rivenditori dei prodotti o dei servizi promozionati che non hanno concorso all'organizzazione della manifestazione.

Art.6 Esclusioni 1. Non si considerano concorsi e operazioni a premio:
a) i concorsi indetti per la produzione di opere letterarie, artistiche o scientifiche, nonché per la presentazione di progetti o studi in ambito commerciale o industriale, nei quali il conferimento del premio all'autore dell'opera prescelta ha carattere di corrispettivo di prestazione d'opera o rappresenta il riconoscimento del merito personale o un titolo d'incoraggiamento nell'interesse della collettività;
b) le manifestazioni nelle quali è prevista l'assegnazione di premi da parte di emittenti radiotelevisive a spettatori presenti esclusivamente nei luoghi ove si svolgono le manifestazioni stesse, sempreché l'iniziativa non sia svolta per promozionare prodotti o servizi di altre imprese; per le emittenti radiofoniche si considerano presenti alle manifestazioni anche gli ascoltatori che intervengono alle stesse attraverso collegamento radiofonico, ovvero qualsivoglia altro collegamento a distanza (1) ;
c) le operazioni a premio con offerta di premi o regali costituiti da sconti sul prezzo dei prodotti e dei servizi dello stesso genere di quelli acquistati o da sconti su un prodotto o servizio di genere diverso rispetto a quello acquistato, a condizione che gli sconti non siano offerti al fine di promozionare quest'ultimo, o da quantità aggiuntive di prodotti dello stesso genere;
d) le manifestazioni nelle quali i premi sono costituiti da oggetti di minimo valore, sempreché la corresponsione di essi non dipenda in alcun modo dalla natura o dall'entità delle vendite alle quali le offerte stesse sono collegate;
e) le manifestazioni nelle quali i premi sono destinati a favore di enti od istituzioni di carattere pubblico o che abbiano finalità eminentemente sociali o benefiche.
(1) Lettera così modificata dall'articolo 7 della legge 3 maggio 2004, n. 112.

Art.7 Cauzione
1. Al fine di garantire l'effettiva corresponsione dei premi promessi, i soggetti che intendono svolgere una manifestazione a premio prestano cauzione in misura pari:
a) in caso di concorsi, al valore complessivo dei premi promessi determinato ai fini dell'imposta sul valore aggiunto o della relativa imposta sostitutiva o sulla base del prezzo dei biglietti delle lotterie nazionali e delle giocate del lotto;
b) in caso di operazioni, al 20 per cento del valore complessivo dei premi di cui alla lettera a); la cauzione non è dovuta qualora il premio sia corrisposto all'atto dell'acquisto del prodotto o del servizio promozionato.
2. Nei casi in cui non sia possibile stabilire sin dall'origine il valore complessivo dei premi da assegnare, lo stesso è determinato in via presuntiva sulla base dei risultati di analoghe manifestazioni effettuate in precedenza e della stima delle vendite attese dei beni o dei servizi promozionati e delle adesioni dei promissari calcolate in base a criteri statistici. La cauzione prestata va adeguata qualora, in base all'andamento della manifestazione, l'importo originario si riveli non sufficiente a garantire la corresponsione dei premi.
3. La cauzione è prestata a favore del Ministero delle attività produttive ed ha scadenza non inferiore ad un anno dalla conclusione della manifestazione. La cauzione è prestata mediante deposito in denaro o in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore di borsa, presso la tesoreria provinciale ovvero mediante fidejussione bancaria o assicurativa in bollo con autentica della firma del fidejussore. Se entro il detto termine di scadenza non è richiesto dal Ministero delle attività produttive l'incameramento della cauzione, la stessa si intende svincolata. Per i concorsi a premio la cauzione si intende svincolata, anche prima del termine di scadenza, trascorsi centottanta giorni dalla data di trasmissione al Ministero delle attività produttive del processo verbale di chiusura della manifestazione, di cui all'articolo 9.
4. Il Ministero delle attività produttive dispone l'incameramento della cauzione qualora:
a) in caso di concorsi, dal verbale redatto dal notaio o dal funzionario di cui all'articolo 9, risultino commesse violazioni relative alla consegna dei premi;
b) in caso di operazioni, accerti, d'ufficio o a seguito di denuncia presentata dai partecipanti, la mancata corresponsione dei premi promessi.

Art.8 Manifestazioni vietate 1. Non è consentito lo svolgimento di manifestazioni a premio, quando:
a) il congegno dei concorsi e delle operazioni a premio non garantisce la pubblica fede e la parità di trattamento e di opportunità per tutti i partecipanti, in quanto consente al soggetto promotore o a terzi di influenzare l'individuazione dei vincitori oppure rende illusoria la partecipazione alla manifestazione stessa;
b) vi è elusione del monopolio statale dei giochi e delle scommesse per la mancanza di reali scopi promozionali, in quanto il prezzo richiesto è superiore al valore commerciale del bene il cui acquisto costituisce il presupposto per la partecipazione alla manifestazione a premio;
c) vi è turbamento della concorrenza e del mercato in relazione ai principi comunitari;
d) vi è lo scopo di favorire la conoscenza o la vendita di prodotti per i quali sono previsti, da disposizioni legislative, divieti alla pubblicità o altre forme di comunicazione commerciale. Per i beni e servizi la cui pubblicità è vincolata, da disposizioni legislative, ad autorizzazioni o comunicazioni preventive, le manifestazioni a premio sono svolte solo dopo aver ottenuto il provvedimento di autorizzazione ovvero sono state effettuate le comunicazioni preventive;
e) vi sono violazioni delle disposizioni contenute nel presente regolamento, tranne quelle di cui all'articolo 10, comma 1.
2. In caso di svolgimento di manifestazioni a premio vietate ai sensi del comma 1, si applicano le sanzioni di cui all'articolo 124, comma 1, del regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 giugno 1939, n. 973, come sostituito dall'articolo 19, comma 5, lettera c), della legge 27 dicembre 1997, n. 449. Per le violazioni delle disposizioni di cui all'articolo 10, commi 1 e 2, si applicano le sanzioni previste dall'articolo 124, commi 2 e 3, del citato regio decreto-legge n. 1933 del 1938.

Art.9 Individuazione dei vincitori dei concorsi a premio 1. Nei concorsi a premio ogni fase dell'assegnazione dei premi è effettuata, con relativo onere a carico dei soggetti promotori, alla presenza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica competente per territorio di cui all'articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, o di un suo delegato; se il congegno utilizzato per l'assegnazione dei premi richiede particolari conoscenze tecniche, il notaio o il pubblico ufficiale è affiancato da un esperto che rende apposita perizia.
2. In caso di inserimento di tagliandi o altri elementi vincenti tra quelli non vincenti, i soggetti promotori rendono una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestando che la detta operazione è effettuata in conformità a quanto previsto nel regolamento del concorso.
3. Il notaio o il funzionario verifica la prestazione della cauzione e attesta l'autenticità delle firme apposte sulle dichiarazioni dei soggetti delegati a rappresentare le ditte promotrici, relative all'effettiva consegna dei premi ai vincitori e alla eventuale devoluzione degli stessi alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460.
4. Il notaio o il responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica redige processo verbale delle operazioni di cui ai commi 1, 2 e 3; detto processo verbale, compilato secondo lo schema tipo predisposto dal Ministero delle attività produttive, è trasmesso allo stesso Ministero.

Art.10 Adempimenti dei promotori
1. I soggetti che intendono svolgere un concorso a premio ne danno comunicazione, prima dell'inizio, al Ministero delle attività produttive mediante compilazione e trasmissione di apposito modulo, dallo stesso predisposto, fornendo altresì il regolamento del concorso nonché la documentazione comprovante l'avvenuto versamento della cauzione. Se il concorso è effettuato da due o più soggetti, la comunicazione è presentata da uno solo di essi o da uno dei soggetti di cui all'articolo 5, comma 3.
2. Eventuali modifiche al regolamento dei concorsi sono notificate al Ministero delle attività produttive con le stesse modalità della comunicazione del regolamento medesimo. È vietato pubblicizzare e svolgere concorsi a premio in difformità dal regolamento, e sue eventuali modifiche, depositato presso il Ministero delle attività produttive.
3. I soggetti che intendono svolgere una operazione a premio redigono un apposito regolamento, autocertificato con dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa dal rappresentante legale della ditta promotrice, che è conservato presso la sede di quest'ultima per tutta la durata della manifestazione e per i dodici mesi successivi alla sua conclusione. Le stesse modalità sono osservate in caso di eventuali modifiche al regolamento.
4. In caso di concorsi e operazioni a premio, la promessa resa nota al pubblico può essere modificata se le modifiche non ledono i diritti acquisiti dai promissari e sono portate a conoscenza degli interessati con le stesse modalità della promessa originaria o in forme equivalenti.
5. Nei concorsi a premio, i premi non richiesti o non assegnati, diversi da quelli rifiutati, sono devoluti a organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460.

Art.11 Regolamento delle manifestazioni a premio e materiale pubblicitario

1. Il regolamento delle operazioni e dei concorsi a premio è messo a disposizione del consumatore per una corretta informazione. Esso contiene l'indicazione del soggetto o dei soggetti promotori, della durata, dell'ambito territoriale, delle modalità di svolgimento della manifestazione, della natura e del valore indicativo dei singoli premi messi in palio, del termine della consegna degli stessi, nonché delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10, comma 5, alle quali devolvere i premi non richiesti o non assegnati, diversi da quelli rifiutati.
2. Il materiale promozionale o informativo della manifestazione, se non contiene o non è accompagnato dal regolamento della manifestazione, riporta almeno le condizioni di partecipazione, la durata della manifestazione nonché, per i concorsi a premio, il valore complessivo dei premi messi in palio.
3. Sono consentiti messaggi pubblicitari che, in relazione alle diverse caratteristiche dei mezzi audiovisivi e degli spazi utilizzati, non contengono tutte le indicazioni richieste, fatto salvo l'obbligo di rinvio specifico al regolamento, con indicazione delle modalità di acquisizione o di consultazione dello stesso da parte dei promissari.

Art.12 Controllo delle manifestazioni a premio
1. Il Ministero delle attività produttive esercita l'attività di controllo sui concorsi e sulle operazioni a premio. Tale attività è svolta d'ufficio a campione, ovvero su segnalazione di soggetti interessati.
2. Fermo restando quanto previsto in materia di sanzioni dall'articolo 124 del regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 giugno 1939, n. 973, e modificato dalla legge 27 dicembre 1997, n. 449, se vengono segnalate o individuate manifestazioni in corso che si presumono in sede istruttoria vietate ai sensi dell'articolo 8, il Ministero delle attività produttive assegna al soggetto promotore quindici giorni di tempo per presentare le proprie controdeduzioni. Entro sessanta giorni dalla predetta richiesta il Ministero, se ravvisa la sussistenza di una o più violazioni, adotta, con decreto motivato, un provvedimento di immediata cessazione della manifestazione.
TITOLO II MANIFESTAZIONI DI SORTE LOCALI
Art.13 Ambito applicativo

1. È vietata ogni sorta di lotteria, tombola, riffa e pesca o banco di beneficenza, nonché ogni altra manifestazione avente analoghe caratteristiche. Ferma restando la vigente disciplina in materia di lotterie nazionali, sono, tuttavia, consentite:
a) le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, promossi da enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi disciplinati dagli articoli 14 e seguenti del codice civile, e dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, se dette manifestazioni sono necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi;
b) le lotterie, le tombole e le pesche o banchi di beneficenza, organizzate dai partiti o movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2, purché svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi. In caso di svolgimento al di fuori delle dette manifestazioni locali si applicano le disposizioni previste per i soggetti di cui alla lettera a);
c) le tombole effettuate in ambito familiare e privato, organizzate per fini prettamente ludici.
2. Ai fini della disposizione di cui alla lettera a) del comma 1:
a) per lotterie s'intende la manifestazione di sorte effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice, concorrenti ad uno o più premi secondo l'ordine di estrazione. La lotteria è consentita se la vendita dei biglietti è limitata al territorio della provincia, l'importo complessivo dei biglietti che possono emettersi, comunque sia frazionato il prezzo degli stessi, non supera la somma di lire 100.000.000, pari ad euro 51.645,69, e i biglietti sono contrassegnati da serie e numerazione progressive;
b) per tombola s'intende la manifestazione di sorte effettuata con l'utilizzo di cartelle portanti una data quantità di numeri, dal numero 1 al 90, con premi assegnati alle cartelle nelle quali, all'estrazione dei numeri, per prime si sono verificate le combinazioni stabilite. La tombola è consentita se la vendita delle cartelle è limitata al comune in cui la tombola si estrae e ai comuni limitrofi e le cartelle sono contrassegnate da serie e numerazione progressiva. Non è limitato il numero delle cartelle che si possono emettere per ogni tombola, ma i premi posti in palio non devono superare, complessivamente, la somma di lire 25.000.000, pari ad euro 12.911,42;
c) per pesche o banchi di beneficenza s'intendono le manifestazioni di sorte effettuate con vendita di biglietti, le quali, per la loro organizzazione, non si prestano per la emissione dei biglietti a matrice, una parte dei quali è abbinata ai premi in palio. Le pesche o i banchi di beneficenza sono consentiti se la vendita dei biglietti è limitata al territorio del comune ove si effettua la manifestazione e il ricavato di essa non eccede la somma di lire 100.000.000, pari ad euro 51.645,69.
3. È vietata la vendita dei biglietti e delle cartelle a mezzo di ruote della fortuna o con altri sistemi analoghi. I premi delle manifestazioni di cui alle lettere a) e c) del comma 2, consistono solo in servizi e in beni mobili, esclusi il denaro, i titoli pubblici e privati, i valori bancari, le carte di credito ed i metalli preziosi in verghe.

Art.14 Adempimenti dei promotori e controlli
1. I rappresentanti legali degli enti organizzatori delle manifestazioni ne danno comunicazione, almeno trenta giorni prima, al Prefetto competente e al Sindaco del comune in cui è effettuata l'estrazione. Eventuali variazioni delle modalità di svolgimento della manifestazione sono comunicate ai predetti organi in tempo utile per consentire l'effettuazione dei controlli.
2. Alla comunicazione di cui al comma 1, va allegata la seguente documentazione:
a) per le lotterie, il regolamento nel quale sono indicati la quantità e la natura dei premi, la quantità ed il prezzo dei biglietti da vendere, il luogo in cui vengono esposti i premi, il luogo ed il tempo fissati per l'estrazione e la consegna dei premi ai vincitori;
b) per le tombole:
1) il regolamento con la specificazione dei premi e con l'indicazione del prezzo di ciascuna cartella;
2) la documentazione comprovante l'avvenuto versamento della cauzione in misura pari al valore complessivo dei premi promessi, determinato in base al loro prezzo di acquisto o in mancanza al valore normale degli stessi. La cauzione è prestata a favore del comune nel cui territorio la tombola si estrae ed ha scadenza non inferiore a tre mesi dalla data di estrazione. La cauzione è prestata mediante deposito in denaro o in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al valore di borsa, presso la Tesoreria provinciale o mediante fidejussione bancaria o assicurativa in bollo con autentica della firma del fidejussore.
3. Per le pesche o banchi di beneficenza l'ente organizzatore indica nella comunicazione di cui al comma 1 il numero dei biglietti che intende emettere ed il relativo prezzo.
4. Il Prefetto vieta lo svolgimento delle manifestazioni in mancanza:
a) delle condizioni previste dal presente regolamento;
b) della necessità di ricorrere allo svolgimento della manifestazione per far fronte alle esigenze finanziarie dell'ente promotore, diverso dai partiti e movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2.
5. I comuni effettuano il controllo sul regolare svolgimento delle manifestazioni di sorte locali e sono l'autorità competente a ricevere il rapporto e a cui pervengono i proventi delle sanzioni. Alle manifestazioni di sorte locali si applicano le sanzioni di cui al regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 giugno 1939, n. 973, da ultimo modificato dall'articolo 19, comma 5, lettera a), della legge 27 dicembre 1997, n. 449.
6. La serie e la numerazione progressiva dei biglietti e delle cartelle è indicata nella fattura di acquisto rilasciata dallo stampatore.
7. L'estrazione della lotteria e della tombola è pubblica; le modalità della stessa sono portate a conoscenza del pubblico presso tutti i comuni interessati alla manifestazione. Nell'avviso sono indicati gli estremi della comunicazione fatta ai predetti organi, il programma della lotteria e della tombola, le finalità che ne motivano lo svolgimento nonché la serie e la numerazione dei biglietti e delle cartelle messe in vendita.
8. Per le lotterie e per le tombole un rappresentante dell'ente organizzatore provvede prima dell'estrazione a ritirare tutti i registri, nonché i biglietti o le cartelle rimaste invendute e verifica che la serie e la numerazione dei registri corrispondano a quelle indicate nelle fatture d'acquisto. I biglietti e le cartelle non riconsegnati sono dichiarati nulli agli effetti del gioco; di tale circostanza si dà atto al pubblico prima dell'estrazione. L'estrazione è effettuata alla presenza di un incaricato del Sindaco. Di dette operazioni è redatto processo verbale del quale una copia è inviata al Prefetto ed un'altra consegnata all'incaricato del Sindaco.
9. Per le pesche o banchi di beneficenza un responsabile dell'ente promotore controlla il numero dei biglietti venduti e procede, alla presenza di un incaricato del Sindaco, alla chiusura delle operazioni redigendo il relativo processo verbale del quale una copia è inviata al Prefetto e un'altra consegnata all'incaricato del Sindaco.
10. Per le tombole, entro trenta giorni dall'estrazione, l'ente organizzatore presenta all'incaricato del sindaco la documentazione attestante l'avvenuta consegna dei premi ai vincitori. Detto incaricato, verificata la regolarità della documentazione prodotta, dispone l'immediato svincolo della cauzione. Il comune dispone l'incameramento della cauzione in caso di mancata consegna dei premi ai vincitori nel termine di cui al presente comma.
11. Le disposizioni del presente articolo, ad eccezione di quelle di cui ai commi 4 e 5, si applicano con riferimento alle manifestazioni di cui all'articolo 13, comma 1, lettera a).

TITOLO III DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
Art.15 Adeguamento delle strutture organizzative e delle dotazioni organiche del Ministero delle attività produttive
1. Per l'esercizio delle funzioni attribuite dal presente regolamento al Ministero delle attività produttive, le dotazioni organiche dello stesso sono adeguate in sede di rideterminazione periodica ai sensi dell'articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, a valere sulle risorse finanziarie utilizzate dall'Agenzia delle entrate per l'esercizio delle funzioni trasferite. Alla copertura delle vacanze derivanti da tale aumento di dotazione organica si provvede prioritariamente attraverso mobilità volontaria del personale che svolge presso l'Agenzia delle entrate le funzioni oggetto di trasferimento.
2. Fino alla completa attuazione del comma 1, la Direzione generale per l'armonizzazione e la tutela del mercato del Ministero delle attività produttive, si avvale di un contingente fino a quaranta unità di personale in posizione di comando ai sensi dell'articolo 17, comma 14, della legge 15 maggio 1997, n. 127, da individuare, con precedenza assoluta, tra quello già utilizzato dall'Agenzia delle entrate per l'esercizio della funzione trasferita.
3. Ai medesimi fini di cui al comma 1 ed anche in relazione alle disposizioni di cui all'articolo 29, comma 2, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, ed all'articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, il Ministero delle attività produttive può concludere accordi con l'Unioncamere per stabilire un rapporto di collaborazione con le Camere di commercio.

Art.16 Abrogazioni
1. Con effetto dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, si intendono abrogati ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400:
a) l'articolo 39 del regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 giugno 1939, n. 973, come sostituito dall'articolo 1 del decreto legislativo 27 giugno 1946, n. 122; gli articoli 40, 42, 43, 44, 46, 50, primo comma, 51, 54, 56, primo comma, 57, 58, 59 e 61 del citato regio decreto-legge n. 1933 del 1938; l'articolo 42-bis del citato regio decreto-legge n. 1933 del 1938, introdotto dalla legge 15 luglio 1950, n. 585; gli articoli 53, 55, 60 e 62 del citato regio decreto-legge n. 1933 del 1938;
b) l'articolo 7, commi 1 e 4, terzo periodo, del decreto-legge 30 settembre 1989, n. 332, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 novembre 1989, n. 384;
c) l'articolo 15 della legge 2 agosto 1982, n. 528;
d) l'articolo 8 della legge 26 marzo 1990, n. 62;
e) gli articoli da 78 a 145 del regolamento dei servizi del lotto, approvato con regio decreto 25 luglio 1940, n. 1077;
f) ogni altra disposizione incompatibile con quelle recate dal presente regolamento.
2. I riferimenti alle disposizioni indicate nel comma 1, contenuti in ogni altro atto normativo, si intendono fatti agli articoli da 1 a 14 del presente regolamento.

Art.17 Regime transitorio
1. Le disposizioni del presente regolamento, non si applicano ai concorsi e alle operazioni a premio, nonché alle manifestazioni di sorte locali la cui domanda di autorizzazione è presentata entro la data di entrata in vigore del presente regolamento.

Art.18 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento, escluse le disposizioni di cui all'articolo 15, entra in vigore il centoventesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
2. Le disposizioni di cui all'articolo 15 del presente regolamento entrano in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Il presente decreto munito dei sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Cliccate qui per vedere il documento originale.

Io ve l'ho riportata interamente per correttezza e per soddisfare anche chi è interessato a tutto l'aspetto e non solo i giveaway...
nel nostro caso invece gli aspetti che credo ci debbano interessano sono:
del TITOLO I "Manifestazioni a premio"
articol0 1
articolo 2
articolo 4
articolo 5
articolo 6
articolo 8
articolo 9
articolo 11
del TITOLO III "Disposizioni finali e transitorie"
articolo 18.

Inoltre cito (vedi fonte):
"La natura dei premi ed il loro valore: eccezioni.   
Con attinenza ai premi che si promettono di assegnare il D.p.R. 430/2001 all’art. 11 prescrive che nel regolamento concorso della manifestazione i premi siano indicati nella loro natura e nel loro valore, la mancanza di tale indicazione è causa di sanzioni.
Nel regolamento concorso dovrà essere precisato anche il valore unitario dei beni offerti in premio. Unitamente alla natura del bene o del servizio oggetto del premio il promotore avrà altresì l’obbligo di specificare nel regolamento il suo valore “indicativo”, cioè il valore che quel bene o servizio ha nel momento in cui viene promesso nel normale commercio.
Per quanto concerne poi il fatto se “Gli oggetti di minimo valore” costituiscano Montepremi la lett. d) dell’art. 6 del D.p.r. 430/2001 codifica quale ipotesi derogatoria dall’assoggettabilità delle manifestazioni a premio le iniziative “nelle quali i premi sono costituiti da oggetti di minimo valore” ed a condizione che il loro conferimento non dipenda dalla natura o dall’entità delle vendite a cui le offerte stesse sono collegate.
Tuttavia, nel caso di conferimento di molteplici premi, ad es. 1000 premi del valore ciascuno di € 0,80, in questo caso sarà comunque indispensabile attenersi alla normativa del D.p.r. 430/2001 e effettuare pertanto la comunicazione al Ministero, fideiussione etc etc in quanto il Montepremi complessivo, nonostante il valore minimo di ciascun premio. Il Montepremi sarà infatti, comunque, quantificabile in una somma superiore agli € 2 di cui sopra (o,80 x 1000 premi = Montepremi € 800) e assogettato alla disciplina sui concorsi.
Dovrà intendersi come minimo valore per la legislazione in materia con espresso riferimento anche anche alla circolare n.88/E del 22 Luglio 1998 del Ministero delle Finanze intendendosi il bene avente un valore limitato a € 2."

In sintesi, affinchè un Giveaway oggi debba essere "a norma di legge" dovrebbe avere un premio con oggetto di minimo valore (vedi sopra), oppure essere un'opera letteraria o artistica (come premi tematici) oppure non prevedere alcun tipo di estrazione.

Un altro problema è che la sanzione è sproporzionata al "reato"... vedi punto 3 del Commento alle modifiche introdotte *_*

Cmq io vorrei aderire alla proposta(messa alla fine del post) fatta dal blog che ho messo come primo link...

Eventuali aggiornamenti saranno inseriti in questo post.


martedì 6 marzo 2012

Video tutorial: come fare lo struccante in casa!

Ciao a tutti!!!
Come promesso ho fatto il video di come io faccio lo struccante bifasico...
..e ne riconfermo l'efficacia nella rimozione del make up.

Per chi volesse rileggere tutte le info e curiosità, con ricetta e suggerimenti...basta selezionare i post a riguardo dall'archivio blog qui nella colonna a destra, altrimenti clicca qui post struccante bifasico e aggiornamento sullo struccante  e si aprirà un'altra pagina :)

Sarà semplice, veloce e non dispendioso!!! Ecco il video con le spiegazioni passo-passo:


Dato che mi piace lasciare sempre qualcosa in + nel blog, per favorire i lettori fissi (^_^ vi adoro ❤), volevo darvi qualche informazione riguardo l'anellino a forma di ciambellina che indosso nel tutorial... è un regalo (insieme agli orecchini dello stesso tema) della mia cuginetta, che nel tempo libero crea questi piccoli tesori golosi e *so sweet* che vanno a ruba quando fa i mercatini estivi o invernali tanto da dover prendere le ordinazioni per accontentare tutti!

Spero di avervi intrattenuto con allegria ^_^ come cerco sempre di fare!
HOPE YOU ENJOY!

lunedì 5 marzo 2012

VLOG TIME!!!


Ciaooo!!!
rieccomi con un bel dilemma:
ma x applicare il fondotinta, voi preferite
le mani
la spugna
o il pennello?

A me ad esempio, piace mischiare e cambiare tecnica in base al prodotto, alla stagione, al tempo a disposizione e all'evento.
Nel video credo di aver già detto tutto..certo ho cercato di farvi intendere il + possibile le differenze che ho colto io, ma l'intento è anche quello di scambiarci informazioni, esperienze e consigli!

Le mani: ci sono due politiche, la prima definisce la stesura con le mani un metodo di applicazione corretto in quanto il calore delle mani "rimodella" e adatta il prodotto sul viso, mentre la seconda lo definisce un metodo scorretto in quanto sempre lo stesso calore altererebbe le caratteristiche native della formula del prodotto, cambiandone effetto/colore e quant'altro.
Io credo che varia da situazione a situazione.

Ed ora facciamo un po' di ordine, e cominciamo riassumendo gli accessori:



in questa foto ritrovate i due pennelli adibiti alla stesura del fondotinta
in questo caso sono firmati dal brand KIKO
il primo (a sinistra) a lingua di gatto
il secondo (centrale) tipico duo-fibre
ed anche se non c'entra, a destra la soluzione per pulire i pennelli..ma ne parleremo un'altra volta :)

Che dire riguardo i pennelli, innanzi tutto escludiamo i pennelli da fondotinta minerale che hanno per necessità caratteristiche differenti che riguardano il tipo di setole (quanta polvere sono in grado di raccogliere), se è + o - fitto, se l'estremità è tondeggiante o piatta, etc...

detto questo, io per mia esperienza personale posso solo parlarvi di quello a lingua di gatto..il duofibre aperto lo acquisterò appena possibile e poi vi dirò...cmq tornando a quello piatto, come illustrato in video, io ritengo stenda lasciando uno strato di prodotto sicuramente + spesso rispetto a quello lasciato da una spugna, quindi + adeguato in situazione dedite ad una copertura + efficace.

Passiamo all'opzione spugna:




ne esistono di diversa forma e dimensione, ma quello che io osservo è il materiale per densità, spessore e capacità d'assorbimento...insomma, si cerca di capire che tipo di applicazione promette e che stesura in fine offre realmente.

Una spugna famosissima è la beauty blender
e similari come questa di Peggy Sage

e' ormai sapere comune, l'indicazione ad utilizzarle umide!
Bhe sicuramente tra le caratteristiche delle spugne oltre alla forma + ergonomica possibile viene ricercata quella che da' la possibilità di trattare ogni angolo del viso, come quella triangolare che arriva nell'angolo delle narici, nell'angolo interno dell'occhio, etc..

Prima che mi dimentico, eccovi un altro tipo di pennello da fondotinta che come la beauty blender ed il duo-fibre, mi incuriosisce molto:
setole fitte, compatte, corte dall'estremità piatta. Chissà come sarà!

Piccola nota: ricordiamo sempre ragazze che il fondotinta dovrà essere del nostro incarnato, non serve per "scurire un po'" e non è un correttore..quindi alcune caratteristiche sopraindicate, vanno lette nel contesto della tecnica che si vuole utilizzare :) 

Per ora è tutto,
spero di avervi fatto una buona compagnia
in questi minuti dedicati agli accessori della nostra bellezza :)

HOPE YOU ENJOY!
Grazie x la tua visione